2007/06/29

Scoperto un altro "pod". Quello tombale?

di Paolo Attivissimo

C'è ancora chi difende documentari complottisti come In Plane Site, nei quali campeggia la teoria del "pod": un misterioso dispositivo che sarebbe stato appeso sotto il secondo aereo che colpì il World Trade Center, perlomeno secondo l'interpretazione di alcune fotografie fatta dai seguaci delle teorie cospirazioniste e mostrata qui accanto.

Per chi si fosse perso la diatriba e il suo sbufalamento (il "dispositivo" è la carenatura del vano del carrello, la riga lungo la fusoliera fa parte della livrea dell'aereo), segnalo l'indagine fatta a suo tempo, alla quale aggiungo una nuova immagine che spero, forse ottimisticamente, possa avere un effetto tombale e metta per sempre a tacere nel ridicolo questa teoria.

L'immagine "tombale" proviene da Airliners.net, risale al 2001 ed è opera di Mark Garfinkel. L'originale è pubblicato qui, e mostra un Boeing 747 della Air India dotato di un enorme "pod": infatti, proprio come nelle foto dell'11 settembre presentate dai complottisti come "prova", anche qui la luce radente del sole illumina ed esalta il rigonfiamento del normalissimo vano che contiene il carrello ed altri dispositivi, presente in quest'aereo come nei Boeing 767 che colpirono New York.


Volendo insistere nelle interpretazioni fantasiose, sotto le ali di quest'aereo, che non c'entra nulla con l'11/9, ci sono anche dei "mini-pod", che come è ovvio per qualsiasi persona che abbia guardato un aereo di linea da vicino, senza fette di salame complottiste sugli occhi, sono invece le normali carenature degli attuatori dei flap.

Spero che questa sia l'ultima occasione di dover riesumare quella che fu, qualche anno fa, una delle teorie di punta del complottismo undicisettembrino.

2007/06/20

UPS on the 81st Floor of WTC2?

by Henry62 - http://11-settembre.blogspot.com/. Translated and adapted by Paolo Attivissimo with the author's permission. The original Italian article is available in the author's 11-settembre blog. A Spanish-language version is also available thanks to 11 de septiembre: Análisis crítico.

Abstract: research into the causes of a conspicuous flow of glowing material from the corner of the 81st floor of the South Tower leads to the finding of evidence of a highly flammable UPS system at that location and suggests a possible triggering event for the flow and associated fire. Photographic evidence of floor failures is provided. Molten steel is ruled out as an ingredient of the flow.


On September 3, 2006, I took part in the second Speciale TG1 program on 9/11 mysteries broadcast by Italian national TV station Raiuno. During the program, the presenter, Roberto Olla, asked me what I thought of the incandescent material which was seen and taped as it flowed out of the 80th-81st floors of the north face of the South Tower of the World Trade Center (WTC2), shortly before the building collapsed.

This is a well-known video, which many conspiracy theorists use as evidence that there was molten steel in the South Tower before it collapsed.

The flowing material has not been identified beyond doubt. The prevailing expert opinion is that it was molten aluminum, not steel, mixed with other materials from the affected floor which came into contact with the molten or very hot metal.

NIST clarified its opinion on this matter in the FAQ document it published in August 2006. Its conjecture is that the flow originated from a puddle of molten aluminum from the structure of the Boeing 767-200 that hit the Tower at the affected floor, with the addition of other materials, such as resins, plastics, and glass from office furnishings and from the interior walls. As the floor trusses of the 81st and 80th floors failed and tilted, the puddle was provided with a path to flow outward.

The failure of these floors is documented also by photographs taken from outside the building (shown below), which reveal that the floor trusses assumed positions which differed greatly from their design configuration.

According to NIST, therefore, light alloyed material from the aircraft and from the building melted and pooled on the floor. This melting was allowed by the very high temperatures of the raging fire which affected the 80th and 81st floors toward the north face of the tower. The material flowed probably from the 81st floor onto the 80th and then flowed outward from there, after entraining materials, such as calcium sulfate (gypsum) and plastics, which were abundantly present in the building.




My opinion on this subject is fairly straightforward: I don't think the flow of material is molten steel for the simple reason that it occurred for several minutes from the same location, yet there were no signs of any melting of the supporting steel structure of the building face, which would have been in direct contact with this molten material.

It is quite obvious that the steel structure of the face would have been affected if the temperature of the molten flow had been close to the melting point of steel (approximately 1500 °C), but it would have had no trouble withstanding a molten light alloy at 600-650 °C, even if it had been heated to approximately 800 °C.


Reinforcement work for UPS


In my answer during the TV program I mentioned that electric batteries were probably located on the 81st floor of the South Tower, but some pro-conspiracy sites ridiculed this claim. However, experience has taught me that sarcasm and irony are usually signs of lack of better arguments, so I gave no further thought to such comments.

My claim was based on several facts. First of all, I had found that the final NIST report, NCSTAR1-1, specified the Port Authority (PANYNJ) rules for any alterations to the supporting structure of the Twin Towers requested by tenants.



Since the flow affected specifically a set of clearly identified floors, I searched for reports of any alterations to the supporting structures of those floors and for information on the identity of the 81st floor tenant or tenants, which might have been related to the causes of the flow of molten material.

On page 136 of the same NIST report I found this table which mentioned United Parcel Service, better known as UPS, as a tenant of the 81st floor of the South Tower and, even more importantly, mentioned that reinforcement work of the floors in the so-called "two-way" part of the floor had been performed in 1991.




I also found this information on page 50 of the NCSTAR 1-1C report):



Of course I was quite intrigued by this, so I researched further. Why would United Parcel Service, better known as UPS and a very well-known brand in deliveries, have a depot at the 81st floor of the South Tower and invest in an extremely expensive reinforcement of the floor structures?

First of all, I checked the meaning of "two-way" in this context. This drawing of the Twin Towers' floor plan, from page 30 of the NCSTAR 1-1 report, provided the answer:



It turned out that the "two-way" area was the very corner region where the flow had occurred.

Having established this, the next step was to determine exactly what was located at that floor. Another table, on page 170 of the NCSTAR 1-1C report, provided this information:



In 1999, the tenant of the 81st floor of WTC2, Fuji Bank Limited, carried out further reinforcement work on the "two-way" area for the following reason:

"Documents reference adding reinforcement to existing two-way floor trusses to accommodate new UPS workspace. Documents do not specify the required amount of reinforcement due to the new superimposed loads"

This work was done by the LERA engineering firm, which had been responsible for the structural calculations for the construction of the Twin Towers.

Table 13.2 on page 111 of the NCSTAR 1-1H report again summarizes the reinforcement work performed in several stages by Fuji Bank on multiple floors of WTC2, including the 81st floor and extending also to the 80th and 82nd floors.





UPS vs UPS


Interestingly, in my opinion there is still an element of doubt, since this table, too, shows that the tenant was Fuji Bank: nothing to do with United Parcel Service.

In the banking and IT sectors, "UPS" has a very specific meaning: Uninterruptible Power Supply. This is the name given to battery-based systems which must ensure the continuous supply of electric power for computer rooms and electrical medical devices which cannot tolerate the slightest power outage.

Isn't it remarkable that the same floor, in the same "two-way" part of the South Tower, exactly where the mysterious flow occurred, was occupied by "UPS United Parcel Service" in 1991 (according to NIST) and by Fuji Bank Limited in 1999 (again according to NIST), and that Fuji Bank carried out reinforcement work "to accommodate new UPS workspace"?

It may well be so, but my personal suspicion is that the acronym "UPS" was misinterpreted as referencing the international courier company but actually referred to one of Fuji's IT resources.

Several sources confirm that data processing equipment related to the computer center was located on that floor: survivors have testified to this, and even pro-conspiracy sources (Christopher Bollyn) mention an unnamed "deep throat" who claims to have worked in this very facility.

I'd like to point out that the Italian TV program was broadcast several months before these pro-conspiracy rumors circulated. For me, these rumors merely confirmed my initial conjecture, which was based on an analysis of official technical sources.

So the 81st floor of the South Tower apparently had a large portion of its area occupied by the batteries of a UPS which belonged to Fuji Bank. However, this may seem irrelevant to many readers who are not familiar with UPS systems of medium-sized mainframe computers or data centers.


A visit to a UPS facility


In the 1990s I was involved professionally in this field, specifically in robotizing the management of electronic file tapes and in managing the UPS systems of a leading Italian banking group, so I am well acquainted with the safety problems and the physical and chemical characteristics of these batteries.

To explain what a large UPS system looks like to those who are unfamiliar with these devices, I asked a banking service company for permission to take photographs of one of their battery rooms, which resembled the kind that may have been installed on the 81st floor of WTC2. It goes without saying that this is a particularly sensitive and delicate area of a service company, so I will comply with the company's request for anonymity.

Access to this area is adequately protected by doors controlled by badge readers, technological and security surveillance systems, and armed guards. Only maintenance personnel is normally allowed to enter.

The following photographs do NOT show WTC2. They merely illustrate an example of the possible content of the floor being discussed and suggest a possible reason why two successive stages of floor truss reinforcement work were necessary in 1991 and 1999.



The sign in Italian says "Battery Room - no smoking, no unauthorized access".







The photographs clearly show that this kind of UPS consists of a huge number of lead batteries, each capable of supplying a nominal voltage of 2 V. The batteries are connected in series so as to provide a total of 440-480 V, as shown by the measurement instruments (shown below) located outside the battery room.




Providing 480 V with 2-V batteries requires 240 batteries connected in series to ensure that the electronic systems protected by the UPS remain powered until mains power returns or the Diesel generators have started.



















The ventilation system requires particular care, since it must allow vigorous air changing: the batteries are composed of two electrodes formed by alternating plates of lead and lead dioxide immersed in an electrolyte (a sulfuric acid solution). They release toxic gases, and especially during quick charging and discharging processes, caused mostly by malfunctions, can release large amounts of hydrogen. This is a highly flammable gas which, combined with oxygen, could trigger violent explosive reactions, as some readers may recall from their college chemistry days.







This possible presence of highly flammable gases requires the electrical ventilation and lighting systems to be non-sparking, with cables and lamps which are isolated and sealed hermetically with respect to the battery room environment.







It goes almost without saying that the fire control system cannot use liquids. Halon systems are used instead, and this accordingly entails considerable safety problems for any personnel caught inside battery rooms when an emergency occurs.

Large systems provide breathing bottles for personnel, providing enough air to reach escape routes. This is another reason why access to these areas is so restricted. Anyone entering must know exactly what procedure to follow in case of emergency. Certainly this is not a facility that can be visited during school trips.







It is particularly interesting to consider what might happen if a short-circuit affected such a battery system. The batteries are connected in series to each other and their cables are insulated by special plastic sheaths, as shown below.




A short-circuit of one or more batteries, caused for example by a falling metallic ceiling truss during a collapse, would trigger an electric arc which might have dramatic consequences due to the high currents involved.

As reference for estimates, I consulted data on batteries manufactured by FAAM. Their physical and geometric characteristics are summarized in the following table.



This table shows that a single battery can weigh from 8 kg (for lower-capacity models with C10 = 100 Ah) to 111 kg (for batteries with C10 = 1500 Ah). A battery like the ones shown below has a C10 of approximately 400 Ah and can be matched with the FAAM GFM-400 model, which weighs approximately 30 kg.



The batteries show below have a C10 = 1340 Ah and therefore can be considered equivalent to a model between FAAM GFM-10000 and GFM-1500, with an estimated weight of 80-90 kg each.



The short-circuit current that a single battery can deliver is provided by the following table.



This table shows that a battery with a C10 = 400 Ah releases, in case of a short circuit, 6816 amps, which rise well over 10,000 amps for batteries with a C10 = 1340 Ah. We're talking of currents with thousands of amps, which can produce unimaginable thermal effects.

In addition to this, abundant hydrogen, which is highly flammable, is generated during a short circuit.

A similar system was installed on the 81st floor of WTC2, exactly where the flow of molten material was observed.

Given these facts, it is very likely that the flow was due to light-alloy aluminum but also to the lead of the batteries, combined with other materials originating from the contents of the 81st floor. This combination of materials, after the failure of the floor, poured onto the 80th floor and from there flowed out from the building face. In my opinion, the weight of the batteries and the weakening caused by the fire on the 80th floor (which compromised the structural capacity of the overlying floor trusses) had an important role in the failure of the 81st floor.

The author would like to thank the IT service company that allowed access and photographs in one of their battery rooms.

2007/06/17

Why Don't the Pentagon Videos Clearly Show a Plane?

by Henry62
http://11-settembre.blogspot.com/

Translated and adapted by Paolo Attivissimo with the author's permission.
The original Italian article is available in the author's 11-settembre blog.

People who approach the analysis of the 9/11 Pentagon attack for the first time often ask this question. How come the released security camera recordings fail to show the aircraft clearly? I'll try to provide an answer.

Chapter 3 of the book Debunking 9/11 Myths, by Popular Mechanics editors David Dunbar and Brad Reagan, deals with the Pentagon camera recordings and with the analysis of the videos released by the US Department of Defense after the end of the Moussaoui trial.

Since their release, these videos have been the subject of countless analyses and reviews, because the general public expected that they would show an aircraft smashing into the Pentagon, in a manner similar to the many video recordings, taken from many angles, of the impact of United Airlines 175 into the South Tower of the World Trade Center. That expectation was let down.

The released video shows an impact, followed by a deflagration (often inaccurately described as an explosion) and the forming of a huge fireball, but there's no trace of an aircraft in any form you might expect to see.

But are we really sure that we should see a plane? In other words, is it right to expect to see an aircraft skimming the ground and then striking the Pentagon?

Debunking 9/11 Myths has this to say on page 61:

A Pentagon spokesperson tells Popular Mechanics that the video was taken with a Philips LTC 1261 security camera and recorded at one frame per second. Jerry Housenga is a technical product specialist with Bosch Security Systems, which bought the Philips camera division in 2002. According to Housenga, it was unrealistic to think that the low-quality security camera footage would reveal the crystal-clear image of a Boeing 757 traveling at 780 feet per second. While most advanced security and surveillance cameras can be set to capture real-time video, the attached recording systems are almost always set at signif­icantly slower frame rates in order to conserve storage space. As a result, it is unlikely that the recording system of any nearby security camera would be set at a rate high enough to capture the speeding plane with decent resolution.
As reported by Popular Mechanics, therefore, the aircraft was flying at approximately 780 feet per second, which is 237.9 meters per second or 858 kilometers per hour.

The Pentagon security cameras that took the videos used the NTSC standard and accordingly generated 29.97 frames per second in 60i mode, i.e., by capturing 60 fields per second (each frame of a television picture consists of two fields). Based on what data is publicly available and unless evidence to the contrary emerges, these cameras were therefore stationary analog interlaced models which used the NTSC standard.

For the technical analysis that follows, I'd like to clarify that I consulted many technical sources and discussed the matter with technicians who have worked in the field of audiovisual production for years and with CCTV and video production/transmission specialists. However, I would advise anyone not to trust my assessments blindly and to check my arguments personally.


Technical background: interlacing

I refer initially to a source which is easily available to any Internet user: the Wikipedia. This source describes the NTSC standard by noting that it "consists of 29.97 interlaced frames of video per second." To understand the meaning of the term "interlaced", we can again look at the relevant Wikipedia entry:

With progressive scan, an image is captured, transmitted and displayed in a path similar to text on a page: line by line, from top to bottom. The interlaced scan pattern in a CRT (cathode ray tube) display completes such a scan too, but only for every second line. This is carried out from the top left corner to the bottom right corner of a CRT display. This process is repeated again, only this time starting at the second row, in order to fill in those particular gaps left behind while performing the first progressive scan on alternate rows only. Such scan of every second line is called a field. The afterglow of the phosphor of CRT tubes, in combination with the persistence of vision, results in two fields being perceived as a continuous image, which allows the viewing of full horizontal detail with half the bandwidth which would be required for a full progressive scan while maintaining the necessary CRT refresh rate to prevent flicker. Only CRTs can display interlaced video directly — other display technologies require some form of deinterlacing.
The concept of interlacing is illustrated below: in NTSC, first the even lines, then the odd lines are captured and displayed (the PAL system instead starts with the odd lines).




In other words, a television field is a scan which only acquires every other line of an image: it's a sort of half-picture. Two fields, one with the odd lines and one with the even lines, are used to acquire and display the full picture, which is termed frame. The eye is fooled into seeing these two separate fields, these complementary half-pictures, as a single frame thanks to persistence of vision and to the persistence of the glow of the elements of a cathode-ray tube display (the kind of screen used in old non-flat TVs).

TV cameras don't work like still film cameras

Going back to the Pentagon videos, the available information suggests that the security cameras worked by interlacing at 60 Hz, i.e., they acquired 60 fields (not frames) per second, which yielded 29.97 frames per second.

Because of this, it is incorrect to compare a TV camera with a still film camera, because for an equal shutter speed (1/60th of a second) a film camera captures all the picture on film, whereas an interlacing analog TV camera actually captures only a field, i.e., only the odd or even lines of the picture, not both. This is determined by the electronic systems that control the camera.

Knowing this, we can now determine what to expect when we view on a computer video player a video of a scene which is crossed at very high speed by an object, if the video is taken by a fixed analog TV camera, saved on videotape with a time-lapse recording rate of one frame per second, and then converted to the MPEG1 digital video format.

This is not a trivial task, since it involves many steps:
  1. A fixed interlaced analog TV camera which acquires the pictures;
  2. A time-lapse system which records to videotape (as a best-case scenario, it is assumed that a digital recording system was used at the Pentagon; if the recording system was analog, the recording and playback quality would be even worse);
  3. Possible conversion of the video to another medium, e.g. CD-ROM or DVD;
  4. Playback of the digital video on a computer video player.
The combination of the first three steps determines the quality of the digital video distributed on CD-ROM or DVD, while the fourth step determines the quality with which the viewer perceives the video.

1. What would the TV camera acquire?

Let's start by looking at what the fixed analog interlaced TV camera would acquire. Based on the information currently available, the Pentagon surveillance cameras that took the well-known videos of the impact were NTSC interlaced analog color cameras with an automatic iris and a shutter speed of 1/60th of a second. The camera acquired a static scene, in which the background does not move, some objects are stationary and some objects (cars, people, clouds, and others) instead move. It acquired fields at a shutter speed of 1/60th of a second.

Let's now consider a simplified model in order to understand the behavior of the Flight 77 aircraft. The plane enters the field of view at a speed which can be estimated, for the sake of simplicity, as equal to the impact speed, i.e., approximately 237.9 meters per second. Its path is, as a first approximation, roughly at 46° with respect to the imaginary line that connects the aircraft to the camera.

With this simplified assumption, the speed of the plane in each point of the linear path traced by the plane can be split into two components, which are radial and tangent to the center of an imaginary circle which is centered on the TV camera and passes through the current position of the aircraft.

The tangent component of the aircraft's speed tells us how far the plane would shift in each second on an imaginary line which is almost parallel to the plane of the CCD sensor of the camera. The radial component tells us the speed at which the plane moves toward or away from the camera. The first component causes linear displacements on the CCD of the camera, while the second component determines the changes in apparent size of the plane.

Two moments in time in the same frame

In other words, we are dealing with an object whose representation on the CCD sensor shifts and at the same time changes size and shape. Under the simplified assumption of an initial angle of 46°, the object moves by 2.85 meters parallel to the CCD and moves 2.75 meters closer during each individual field, i.e., every 1/60th of a second.

This means that each individual frame of the 30 acquired each second by the Pentagon TV cameras is composed of odd and even lines which refer to an object which has moved by 2.85 meters parallel to the CCD and has moved closer by 2.75 meters. This extreme simplification applies only to the initial point of the actual flight path, since the distance from the camera and the angle with which the speed vector is divided vary for each point of the path and therefore the displacements and size variations perceived and recorded by the CCD vary as well.

Accordingly, it is entirely incorrect to compare a complete picture taken in 1/60th of a second by a film camera with an interlaced frame captured by an interlaced analog TV camera, in which the even and odd lines of the same frame actually show the moving object in two different places, because the even and odd lines of a same frame actually originate from fields acquired 1/60th of a second apart.

As the aircraft approaches the Pentagon (assuming, for the sake of simplicity in this model, that its speed is constant, although the plane was actually physically accelerating), the radial component of its speed increases and therefore the tangent component also increases (according to the rule of vector parallelogram composition, along the new radial and tangent directions on concentrical circles which are centered on the camera and pass through the point where the plane is located).

Accordingly, the plane, merely due to geometrical considerations (not physical ones), would undergo a tangent acceleration and a radial deceleration with respect to the camera: the enlargement of the object seen by the CCD would decrease, but the displacement between the spatial positions projected onto a plane parallel to the CCD by the even and odd lines of the same frame would increase. The effect, in the real world, would be further increased by the actual acceleration of the plane.

This, in itself, is already enough to clarify that it is unlikely to see a sharp picture of the plane, as one might expect based on ordinary experience.

Motion blur

There is also another problem: what does the CCD sensor capture if, during the 1/60th of a second for which its shutter remains "open", the light that strikes the CCD belongs partly to the object and partly to the background, which is fixed?

Let me put it another way. If the shutter opens at a certain instant to capture a field (for example the even lines of the frame) and we consider, again by way of example, a point of the field of view that lies 2.5 meters ahead of the nose of the aircraft (which is moving at a tangent speed of 171.1 meters per second), that point remains lit by the light of the fixed background for most of the time and is reached by the nose of the plane (which moves tangentially by 2.85 meters) only when the shutter is about to close. So what would the CCD acquire?

Would it acquire the background, with a ghost produced by the plane which arrived as the shutter was about to close? Probably. The same effect would occur for a point just behind the plane: when the shutter opened, the tail of the aircraft would be there for a very short time and then would be replaced by the fixed background for most of the period of exposure.

Therefore, to summarize, we would have dynamic effects linked to the geometry between the actual trajectory of the aircraft and the fixed viewpoint of the TV camera; dynamic effects due to the physical forces which act on the plane; and "video-electronic" effects linked to the way in which the TV camera works and acquires images.

2. What would the video recorder record?

As mentioned, the recording system records the pictures that arrive from the video camera. However, in order to record for suitably long periods, the system does not record all the 29.97 NTSC frames per second (each composed of two fields): it records a single frame per second. This is known as time-lapse recording.

But which single frame does it record, among the 30 acquired by the camera every second? That depends on how the system is set up, but undoubtedly whenever the second ends, the corresponding frame is recorded.

Knowing how the recorder is set up is important anyway, because those 29.97 frames per second differ greatly from each other in terms of image content. What is the likelihood of recording that exact frame in which the aircraft is present in full, if such a frame exists and with all the doubts raised above?

The selection caused by time-lapse recording is such that the aircraft, despite being acquired by the TV camera, might not have been recorded, since it appeared in the frames that were not considered by the recorder.

Another aspect that should be ascertained before making any conjecture is whether there was or not a device for deinterlacing the input signal ahead of recording and any other circuitry which might have altered the structure of the recorded fields with respect to the ones acquired by the TV camera.

3. What would be exported to CD-ROM or DVD?

A further problem would then arise from the subsequent export to CD-ROM or DVD of the frames stored by the videocassette recorder. Since the recorder records one frame per second from the TV camera, if the recorded video were to be played back at the normal speed of 29.97 frames per second, the result would be a 30-fold speed-up effect. Accordingly, the videos to be exported may have been obtained with methods allowed by ordinary CCTV digital players, which allow to set at will the playback speed. Another, cruder technique would consist in repeating each individual frame 30 times before exporting the video.

Video recorded in NTSC format has a definition of at least 640x480 useful pixels in each frame, but the video release by the DoD is in the MPEG1 format, which has a resolution of 352x240 pixels in each frame, i.e., much lower than the native recorded format (assuming that the native format was full NTSC).

Accordingly, in addition to all the factors cited above, the export process necessarily entailed a further reduction in image resolution, in addition to a compression which uses a lossy format and may introduce a further complication in the way in which each individual pixel is shown with respect to the original.

One would need to know, therefore, the processing undergone by the videotape recording before being exported to MPEG-1. For example, it may have been deinterlaced. One crude form of deinterlacing and compression is the complete elimination of one field, leaving only the even or odd lines. Certainly something must have happened, since the number of lines of the released MPEG1 video is half that of the native NTSC format.

4. What would a player show?

Clearly, the quality of the hardware and software playback system affects the usability and final level of the MPEG1 video for the viewer. Seeing a Video-CD with an MPEG1 file on a home player is one thing; playing back an MPEG1 file in a professional computer video editing program is another. But these doubts are beyond the scope of any technical remarks regarding the video in itself, although different players unquestionably yield different playback qualities of the same digital file.

Conclusions

In view of these simple remarks, my answer to the question "Why don't the Pentagon videos clearly show a plane?" is that as long as we don't know:
  • the level of detail of the original images on videotape
  • the composition of the chain of acquisition, processing and storage of the frames (including the settings of the equipment)
  • what processing was done to the video before MPEG1 compression
it is not possible to establish, with a reliable degree of confidence, the extent to which the MPEG1 copy is equivalent to the original or not in terms of recorded video content. The only thing that is certain, for me, is that the videos released by the DoD are assuredly inferior, in terms of definition and quality, to the originals, and the technical doubts discussed above certainly do not help in acquiring any certainties to be used as a starting point.

In view of all this, I believe that statistically speaking, a video which clearly showed an aircraft striking the Pentagon would have been more suspicious. The videos released by the DoD following a FOIA request after the end of the Moussaoui trial are not, for me, conclusive evidence of the presence or absence of an aircraft at the Pentagon: but if I had to choose, there are more clues in favor of the presence of a plane than of its absence.

2007/06/13

Nuove animazioni WTC, i media fanno confusione

di Paolo Attivissimo. L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Sono state pubblicate di recente alcune nuove animazioni degli impatti al World Trade Center, realizzate dalla Purdue University sulla base di simulazioni ottenute utilizzando i principi della fisica applicati a modelli digitali molto accurati, che ricostruiscono le proprietà delle strutture e dei materiali. La Purdue ha già realizzato altre simulazioni analoghe degli attentati dell'11 settembre.

Purtroppo il contenuto tecnico di queste animazioni, basate su un metodo ben noto agli addetti ai lavori e denominato FEA (Finite Element Analysis, analisi agli elementi finiti), è stato travisato da alcuni media generalisti ed è pertanto opportuno fare un po' di chiarezza, attingendo anche al documento tecnico che accompagna le simulazioni, intitolato "A High-Quality Physically-Accurate Visualization of the September 11 Attack on the World Trade Center" e firmato da Paul Rosen, Voicu Popescu, Christoph Hoffmann e Ayhan Irfanoglu.

L'equivoco fondamentale riguarda l'affermazione, fatta per esempio dal Corriere della Sera, che "se anche nei serbatoi dell'aereo ci fosse stata acqua anziché carburante, il risultato sarebbe stato lo stesso" (fonte).

Questa frase, attribuita a degli imprecisati "scienziati" ma assente nell'articolo degli autori delle simulazioni, è completamente fuorviante: vale soltanto per quanto riguarda l'energia d'impatto e i danni prodotti direttamente dall'impatto meccanico, che effettivamente sarebbero stati identici anche se la massa fluida contenuta nell'aereo non fosse stata carburante ma altro liquido analogo. Ma l'impatto non causò affatto il successivo crollo, che fu invece dovuto agli incendi. Gli incendi, ovviamente, non si sarebbero sviluppati con la violenza e vastità che ben conosciamo se gli aerei non avessero avuto a bordo da 34 a 38.000 litri di carburante ciascuno.

E' importante capire, insomma, come del resto documentato e sottolineato dal rapporto NIST, che le torri hanno resistito agli impatti. Sono stati gli incendi a causarne il crollo dopo l'indebolimento iniziale causato dall'impatto.

Non solo: il carburante ha soltanto innescato questi incendi, che sono proseguiti utilizzando come combustibile i materiali, il contenuto e gli arredi dell'edificio.

Vi è inoltre un equivoco di fondo nella frase "in realtà solo gli alberi in titanio dei motori turbofan hanno attraversato gli edifici – come fossero enormi proiettili – dopo lo schianto dei 767, la cui struttura si sarebbe invece disintegrata nel momento dell'urto."

Questa frase è smentita sia dall'animazione stessa, che mostra chiaramente rottami d'aereo eterogenei che riemergono dalla facciata opposta del WTC (immagine qui a sinistra), sia dalle numerose fotografie e riprese video dei frammenti di carrello, motore (foto qui sotto), fusoliera e interni dei velivoli (nonché parti dei cadaveri dei passeggeri, secondo alcuni soccorritori) trovati al suolo dopo aver trapassato l'edificio. La struttura dell'aereo si è frammentata, ma non "disintegrata".

Va inoltre chiarito che queste simulazioni sono puramente indicative e non sostituiscono né l'analisi dei materiali né la raccolta di evidenze fisiche sul luogo. I loro risultati approssimano la realtà, cosa di per sé molto interessante in considerazione del tipo di principio usato (si definisce una situazione iniziale e si lascia che le leggi della fisica facciano il proprio corso), ma sarebbe scorretto usare queste animazioni come prova del verificarsi o meno di qualsiasi fenomeno.

Il loro scopo, come chiarisce l'articolo degli autori, è semplicemente rendere comprensibile ai non addetti ai lavori una dinamica complessa:

... [la] simulazione doveva rispettare le leggi della fisica il più accuratamente possibile. Tuttavia i risultati della simulazione dovevano essere presentati tramite una visualizzazione che fosse eloquente per gli utenti al di fuori dell'ingegneria civile. Gli obiettivi di fedeltà della simulazione e di ampia accessibilità ai risultati della simulazione stessa sono in una certa misura contraddittori e raramente vengono perseguiti in abbinamento.


Non solo: le animazioni contengono elementi non realistici e arbitrari che suggeriscono alcune correzioni all'evoluzione della simulazione. Osservandole attentamente, si nota infatti che gli alberi dei motori riemergono dalla facciata dell'edificio passando attraverso la facciata intatta, e che altri frammenti del velivolo attraversano parti intatte della struttura centrale della torre.

Si tratta pertanto di materiale visivamente molto efficace nel descrivere la drammaticità e la violenza dell'impatto, ma di valore piuttosto modesto in termini d'indagine sugli eventi dell'11 settembre.

2007/06/12

Rudy Giuliani accusato di strage con prove "incontrovertibili"

di Paolo Attivissimo con il contributo di ricerca di Screw Loose Change.

English abstract: the Italian CT site Luogocomune claims that former New York mayor Rudolph Giuliani was forewarned of the collapse of WTC2, yet did nothing to save the firefighters. This allegation is also made by an article on Prisonplanet.com. A quick check shows that Giuliani received the warning only moments before the collapse; moreover, it was not up to him to give an evacuation order to the firefighters anyway. News of the danger of imminent collapse was already spreading among the firefighters and EMTs, so any attempt by Giuliani to keep the news secret would have been irrelevant.

Prisonplanet.com e Luogocomune.net hanno presentato pressoché contemporaneamente due articoli sostanzialmente identici che accusano di cospirazione Rudolph Giuliani (nella foto qui sopra), all'epoca sindaco di New York. La versione di Prisonplanet (in inglese) è consultabile qui; quella di Luogocomune.net (in italiano) è qui. Per brevità e praticità linguistica, saranno citate principalmente le affermazioni del sito italiano. Entrambi i siti, comunque, fanno affermazioni gravissime nei confronti di Giuliani, come questa (le evidenziazioni sono mie):

Se Giuliani diventasse il candidato repubblicano alla Casa Bianca, è molto difficile che non salti fuori qualcuno, in zona democratica, che non sappia resistere alla tentazione di far sapere al mondo quello che ora sanno solo i ricercatori e gli esperti di undici settembre: Rudy Giuliani fu avvisato in anticipo del crollo della prima Torre, ma non fece nulla per salvare uno solo dei pompieri che stavano combattendo le fiamme al suo interno.

Il capo di accusa è uno dei più potenti e incontrovertibili – dichiarò lui stesso di essere stato avvisato - e sarà probabilmente questo a rendere la tentazione davvero irresistibile.

Il "capo di accusa" in questione è una dichiarazione di Giuliani all'anchorman della ABC, Peter Jennings, che Luogocomune presenta a partire da 2:24 dalla fine in un video citato nell'articolo. Ecco la trascrizione della dichiarazione di Giuliani così come viene presentata e tradotta da Luogocomune e, in carattere più piccolo, in originale da Prisonplanet.com:

Giuliani: ... noi siamo stati intrappolati in un edificio per circa 10-15 minuti.

We were in a building, in which we were trapped for about 10-15 minutes.

Jennings: Sta parlando del... lei è andato subito all'Ufficio Gestione Emergenze?

Are you talking about the Off--Did you go to the Office of Emergency Management?

Giuliani: Io... io sono andato sul posto ed abbiamo approntato il quartier generale a 75 Barkley Street [sic -- è Barclay Street, la via che passava in fianco alla facciata nord del WTC7, NdA] nei pressi del [sic -- sarebbe "insieme con il", NdA] commissario della polizia, quello dei pompieri, e del capo della gestione delle emergenze, e stavamo operando da lì quando ci fu detto che il WTC stava per crollare. E in effetti è crollato prima che riuscissimo a uscire dall'edificio, così fummo intrappolati nell'edificio per 10, 15 minuti, e finalmente trovammo un'uscita ed uscimmo.

No, I went down to the scene and we set up a headquarters at 75 Barclay Street, which was right there with the police commissioner, the fire commissioner, the head of emergency management, and we were operating out of there when we were told that the World Trade Center was gonna collapse. And it did collapse before we could actually get out of the building, so we were trapped in the building for 10-15 minutes then finally found an exit, got out [...]

La tesi complottista è che Giuliani "fu avvisato in anticipo del crollo della prima Torre, ma non fece nulla": detto così, con quell'"in anticipo", sembra che se la sia presa comoda e non abbia detto niente a nessuno, tenendosi il segreto e lasciando morire i pompieri.

Ma già la lettura spassionata di queste parole "incontrovertibili" suggerisce che Giuliani fu avvisato pochissimo prima del crollo, tanto da non fare in tempo ad abbandonare il quartier generale improvvisato, situato vicino al WTC, restando intrappolato dal crollo del WTC2.

Non solo: non fu l'unico ad essere avvisato (si noti il "ci" in "ci fu detto"). E allora perché prendersela soltanto con lui? C'erano con lui "il commissario della polizia, quello dei pompieri, e del capo della gestione delle emergenze". Anche loro, secondo la teoria complottista, non fecero nulla: sono dunque complici?

E inoltre, perché sarebbe dovuta spettare proprio al sindaco Giuliani l'incombenza di dare l'ordine di evacuazione dei pompieri? Non era lui il loro superiore. Dare l'ordine spettava semmai al commissario dei vigili del fuoco (fire commissioner) o al capo della gestione delle emergenze, che erano appunto con Giuliani.

In ogni caso, per capire a quanto ammontò questo presunto "anticipo", diamo un po' di contesto a queste frasi con l'aiuto delle testimonianze del personale di soccorso. Scopriamo, per esempio, che non era affatto un segreto che le Torri Gemelle fossero a rischio di crollo imminente, per cui Giuliani non sapeva nulla di cui non fossero a conoscenza molte altre persone ben più coinvolte nella catena di comando.

Lo sapeva per esempio John Peruggia (nella foto qui accanto), capo divisione dei servizi medici d'emergenza (EMS), che dichiara:

Stavo discutendo con il Sig. Rotanz [Richard Rotanz, NdA] e credo che fosse un rappresentante del Dipartimento dell'Edilizia, ma non sono sicuro. Un ingegnere o simile, e molti di noi erano radunati a parlare nell'atrio d'ingresso e mi fu fatto notare che i danni strutturali subiti dalle torri erano molto significativi ed erano certi che la stabilità dell'edificio era compromessa e sentivano che la Torre Nord era a rischio di crollo pressoché imminente.

Presi il tecnico medico d'emergenza (EMT) Zarrillo [Richard Zarrillo, NdA] e gli diedi quest'informazione. Gli dissi di procedere immediatamente alla postazione di comando dove si trovava il Comandante Ganci [Peter J. Ganci; morirà nel crollo del WTC1, NdA]. Gli dissi dov'era, dall'altra parte della strada rispetto al WTC1. Gli dissi "Vediti con il Comandante Ganci e soltanto con lui. Informalo che l'integrità dell'edificio è gravemente compromessa e che credono che l'edificio sia a rischio di crollo imminente". E così s'incamminò in quella direzione.

I was in a discussion with Mr. Rotanz and I believe it was a representative from the Department of Buildings, but I'm not sure. Some engineer type person, and several of us were huddled talking in the lobby and it was brought to my attention, it was believed that the structural damage that was suffered to the towers was quite significant and they were very confident that the building's stability was compromised and they felt that the north tower was in danger of a near imminent collapse.

I grabbed EMT Zarrillo, I advised him of that information. I told him he was to proceed immediately to the command post where Chief Ganci was located. Told him where it was across the street from Number 1 World Trade Center. I told him "You see Chief Ganci and Chief Ganci only. Provide him with the information that the building integrity is severely compromised and they believe the building is in danger of imminent collapse." So, he left off in that direction.

Lo sapeva quindi anche Richard Zarrillo, la cui testimonianza chiarisce che ne venne anche a conoscenza il fire marshal Steve Mosiello e che il messaggio di pericolo arrivò anche al Comandante Ganci, ma soltanto pochi istanti prima del crollo stesso.

Mentre camminavo verso la postazione di comando dei pompieri, trovai Steve Mosiello. Dissi "Steve, dov'è il capo? Devo dargli un messaggio". Lui disse "Be', qual è il messaggio?". Io dissi che gli edifici stavano per crollare e che dovevamo evacuare tutti. Con un'espressione molto confusa mi disse "Chi te l'ha detto?". Io dissi che ero appena stato con John (Peruggia) all'OEM [postazione provvisoria per il coordinamento delle emergenze, NdA] e che l'OEM diceva che gli edifici stavano per crollare.

As I was walking towards the Fire command post, I found Steve Mosiello. I said, Steve, where's the boss? I have to give him a message. He said, well, what's the message. I said the buildings are going to collapse; we need to evac everybody out. With a very confused look, he said who told you that? I said I was just with John (Peruggia) at OEM. OEM says the buildings are going to collapse; we need to get everybody out.

Il presunto segreto venne diramato anche ad altri soccorritori, sempre secondo la testimonianza Zarrillo:

[Mosiello] mi accompagnò dal Comandante Ganci. Disse "Ehi, Pete, abbiamo ricevuto un messaggio che gli edifici stanno per crollare". La sua risposta fu "Chi cazzo te l'ha detto?". Poi Steve mi portò dentro e con il Comandante Ganci, il Commissario Feehan, Steve, credo ci fosse inizialmente il Comandante Turi, dissi "Sentite, poco fa ero all'OEM. Il messaggio che mi è stato dato è che gli edifici stanno per crollare; dobbiamo tirar fuori i nostri uomini. In quel momento giunse dall'alto questo boato di tuono continuo, e fu allora che crollò l'edificio, crollò la prima torre.

He escorted me over to Chief Ganci. He said, hey, Pete, we got a message the buildings are going to collapse. His reply was who the f*ck told you that? Then Steve brought me in and with Chief Ganci, Commissioner Feehan, Steve, I believe Chief Turi was initially there, I said, listen I was just at OEM. The message I was given was that the buildings are going to collapse; we need to get our people out. At that moment, this thunderous, rolling roar came down and that's when the building came down, the first tower came down.

Questa versione dei fatti viene confermata anche dalla testimonianza di Steven Mosiello. Ulteriore conferma viene inoltre dal Rapporto della Commissione 11/9, che a pagina 302 nota:

Alle 9:57 circa [due minuti prima del crollo della Torre Nord, NdA], un paramedico dei servizi d'emergenza si rivolse al Capo di Dipartimento dell'FDNY e avvisò che un ingegnere davanti al WTC7 aveva appena commentato che le Torri Gemelle erano in effetti a rischio imminente di crollo totale.

At about 9:57 an EMS paramedic approached the FDNY Chief of Department and advised that an engineer in front of 7 WTC had just remarked that the Twin Towers in fact were in imminent danger of a total collapse.

Già un rapido esame incrociato delle testimonianze, insomma, mostra che Giuliani non aveva nessun segreto da custodire, che il messaggio di pericolo stava comunque già circolando anche fra i soccorritori (per cui un'eventuale, improbabile scelta di Giuliani di non parlare sarebbe stata del tutto irrilevante), e che con o senza l'intervento di Giuliani l'ordine di evacuazione sarebbe giunto troppo tardi.

Non solo: quand'anche fosse spettato a Giuliani dare l'ordine di evacuazione, va notato che Giuliani arrivò al 75 di Barclay Street solo dieci minuti prima del crollo del WTC2, come racconta nel suo libro Leadership, a pagina 10:

Alle 9:50 circa requisimmo gli uffici al 75 di Barclay.

At about 9:50 AM we commandeered the offices at 75 Barclay.

Pertanto Giuliani e i coordinatori dei soccorsi che erano con lui non possono aver ricevuto la segnalazione del pericolo di crollo più di dieci minuti (nella migliore delle ipotesi) prima che avvenisse, alle 9:59. Un tempo impossibilmente breve per comunicare l'allarme e far scendere i pompieri dalle scale affollate delle Torri Gemelle.

Risulta dunque che i sedicenti "ricercatori della Verità" non hanno effettuato queste semplici verifiche prima di gettare accuse infamanti addosso a Rudolph Giuliani. Ancora una volta, le loro "prove incontrovertibili" si rivelano deliri inconsistenti appena vengono esposte all'impietosa luce dei fatti.

2007/06/07

WTC, superesperti demoliscono la demolizione controllata (terza parte)

di Paolo Attivissimo. La prima parte di quest'articolo è consultabile qui; la seconda è qui.

Con questa terza parte si conclude la sintesi commentata del documento Collapse of World Trade Center Towers: What Did and Did Not Cause It? (Crollo e collasso delle torri del World Trade Center: cosa l'ha causato e cosa non lo ha causato), pubblicato dal professore di ingegneria civile e scienza dei materiali Zdenek P. Bazant con Jia-Liang Le, Frank R. Greening e David B. Benson. La prima parte della sintesi è stata pubblicata qui; la seconda qui.

La caduta "in perfetta verticale"


Bazant fa riferimento a un congresso nazionale di meccanica teorica e applicata tenutosi a Boulder nel giugno del 2006, nel quale gli esperti di settore hanno smentito altre ipotesi sul crollo delle Torri Gemelle. Fra queste spicca quella dell'"onda di frattura" (fracture wave), confutata in un altro documento di Bazant e proposta dal professore d'ingegneria meccanica Genady Cherepanov, esperto in frattura fragile.

Si tratta di una teoria alternativa talmente spettacolare che vale la pena di soffermarvisi: come spiegato nel proprio sito, secondo Cherepanov le Torri Gemelle sarebbero state attraversate da un'onda di frattura (generata dalle sollecitazioni interne) che avrebbe "disintegrato l'intero edificio mediante crepe invisibili per meno di 0,1 secondi, producendo il rumore di un'esplosione e fornendo le condizioni necessarie per la caduta libera di frammenti d'acciaio e nubi di polvere di frammenti minuti di vetro, marmo e cemento".

La prossima volta che qualcuno obietta che gli scienziati sono poco fantasiosi e non osano mettere in dubbio la verità "ufficiale" o le affermazioni dei colleghi e formano un fronte compatto al soldo dei potenti, vale la pena di ricordare Cherepanov, il cui curriculum non è affatto trascurabile.

Bazant passa poi a occuparsi delle ipotesi del crollo eccessivamente verticale e in pianta delle Torri Gemelle. Va ricordato che le figure sono illustrazioni schematiche e non necessariamente in scala: in un lavoro scientifico fanno fede i calcoli, non i disegni.

Un'altra ipotesi dei critici profani precedentemente confutata è che senza esplosivi le torri sarebbero dovute cadere di lato, come un albero, imperniandosi sulla propria base... Quest'ipotesi era avvalorata, si asseriva, dall'inclinazione osservata della parte superiore della torre all'inizio del crollo (Fig. 2a).

Tuttavia, la rotazione della parte superiore intorno a un punto in corrispondenza della base (Fig. 2b) avrebbe causato una reazione orizzontale circa 10,3 volte maggiore della resistenza alle sollecitazioni di taglio posseduta dal piano, e tale resistenza deve essere stata superata già con l'inclinazione di soli 2,8°.

A quel punto, la parte superiore deve aver ruotato sostanzialmente intorno al proprio baricentro, che deve essere caduto quasi verticalmente. La velocità di rotazione deve essere diminuita durante il crollo, man mano che al blocco in movimento si aggiungeva per accrezione ulteriore massa stazionaria. Pertanto non sorprende affatto che le torri siano crollate sostanzialmente sulla propria pianta. La gravità, da sola, deve aver causato proprio quest'effetto.


In altri termini, un grattacielo non può cadere di lato come fa un albero. Un albero è una struttura piena, mentre un grattacielo è una struttura alveolare, concepita per sopportare il proprio peso e le sollecitazioni ambientali soltanto quando è verticale. Basta inclinarla di lato leggermente e le sollecitazioni diventano troppo asimmetriche e la spezzano. A quel punto il troncone superiore, non essendo più trattenuto e sorretto dalla struttura sottostante, cade non più in fuori, ma verticalmente; poi si disgrega, come spiegato precedentemente, formando una valanga incoerente ma non per questo meno distruttiva.

Quanto osservato al WTC è insomma quello che deve succedere nel crollo per gravità di una grande struttura che s'innesca in alto: non bisogna confondersi con i filmati di altri crolli di edifici prodotti dalle demolizioni o dai terremoti, sia perché si tratta di strutture ben più piccole, con un rapporto altezza/sezione molto meno esasperato e realizzate in cemento armato o simili, sia (e soprattutto) perché in questi filmati il crollo è innescato alla base e non in alto.

Smentita la teoria del pancake


A dimostrazione che il metodo scientifico prevede la formulazione di ipotesi per affinamenti successivi e si autocorregge di fronte all'evidenza (diversamente da altri approcci), Bazant affronta la questione della cosiddetta "teoria del pancake" o, più prosaicamente, "teoria dell'accatastamento":

Nella comunità degli ingegneri strutturisti circolò un'ipotesi iniziale secondo la quale la resistenza delle connessioni fra le travature dei solai e le colonne, supposta insufficiente, avrebbe causato un iniziale accatastamento dei solai, lasciando una struttura tubolare vuota che successivamente perse la propria stabilità.

Tuttavia quest'ipotesi fu confutata dal NIST esaminando attentamente le risultanze fotografiche, che mostrano che alcune colonne perimetrali subirono una deflessione verso l'interno di circa 1 metro. Il NIST spiega questa deflessione con la trazione orizzontale prodotta dall'azione catenaria delle travature dei solai man mano che s'imbarcavano a causa della dilatazione termica differenziale e a causa dello scorrimento ["creep" in originale]. Tale azione sarebbe stata impossibile se le travature dei solai si fossero staccate dalle colonne perimetrali.




Metallo fuso e tracce chimiche di termite


Un'altra critica asseriva delle segnalazioni di "pozze di metallo fuso" all'interno della catasta di macerie, che sarebbero state prodotte da dispositivi incendiari preposizionati a base di termite. Ma tutte le presunte prove sono completamente aneddotiche e sono smentite dai fatti nel rapporto NIST (2005).

Si è asserito che la presenza di residui di termite era dimostrata dallo zolfo, dal rame e dallo zinco rilevati nei campioni di polvere del WTC. Ma la presenza di questi elementi era attesa, dato che erano contenuti nel cartongesso, nei cablaggi elettrici, nella lamiera d'acciaio zincata, eccetera.


Con queste semplici considerazioni si conclude l'analisi del professor Bazant. Come altri già avevano fatto notare, è strano che di queste pozze di metallo fuso non ci sia nessuna traccia fotografica o filmata (a parte le foto false presentate da Steven Jones). Forse che a New York una pozza di metallo fuso non fa notizia e quindi nessuno si prende la briga di fotografarla? Per non parlare del fatto che la termite genera sì calore intensissimo, ma per un tempo molto breve, ed è quindi incapace di mantenere fuso del metallo per lunghi periodi. E le tracce chimiche attribuite alla termite sono spiegabili in modo assolutamente banale se si conoscono e considerano i materiali utilizzati per la costruzione delle Torri Gemelle.

In conclusione, nessuna delle principali teorie cospirazioniste regge all'esame degli esperti di settore. I fenomeni osservati al World Trade Center sono apparentemente anomali o sospetti soltanto per chi non conosce la fisica e il comportamento dei materiali e delle grandi strutture ed è distratto dalla suggestione di immagini talvolta volutamente ingannevoli. Ma complottismo a parte, il lavoro di Bazant getta luce su dinamiche di indubbio interesse per i colleghi di settore e per chiunque s'interessi di scienza e voglia seriamente capire cosa è successo a due splendide, iconiche torri e alle migliaia di vite stroncate l'11 settembre 2001.

2007/06/06

WTC, superesperti demoliscono la demolizione controllata (seconda parte)

di Paolo Attivissimo. La prima parte di quest'articolo è consultabile qui. L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Prosegue la sintesi commentata del documento Collapse of World Trade Center Towers: What Did and Did Not Cause It? (Crollo e collasso delle torri del World Trade Center: cosa l'ha causato e cosa non lo ha causato), pubblicato dal professore di ingegneria civile e scienza dei materiali Zdenek P. Bazant con Jia-Liang Le, Frank R. Greening e David B. Benson. La prima parte della sintesi è stata pubblicata qui.

Energia per la "totale polverizzazione"

Molte fonti hanno ipotizzato due aspetti anomali delle condizioni del cemento che costituiva il rivestimento non armato dei solai (una soletta di circa 10 cm): la presunta "totale polverizzazione", che però è stata smentita anche da Steven Jones ("la polverizzazione in realtà NON fu tale da produrre polvere fine ed è una falsa premessa iniziare con una polverizzazione fine quasi totale") e, in subordine, la polverizzazione eccessiva. Ecco come risponde Bazant:

Il fatto che una gran parte del cemento del WTC sia stata ridotta a polvere molto fine è stato invocato da critici profani per asserire che le torri devono essere state abbattute tramite esplosivi collocati internamente. Per fortuna la frammentazione fine (comminution) dei materiali simili a roccia durante gli impatti è un argomento ampiamente conosciuto e quindi è facile verificare la validità di quest'asserzione.

Seguono quattro pagine di calcoli che determinano l'energia cinetica disponibile per la frammentazione, l'energia dissipata attraverso la frammentazione e l'energia necessaria per produrre la frammentazione osservata. I calcoli, eseguiti secondo i dettami della comminution theory corrente nel settore, prevedono con buona approssimazione quanto osservato nella realtà:

... la maggior parte del cemento fu polverizzata, diventando particelle di polvere con granulometria compresa grosso modo fra 0,01 mm e 0,1 mm.

Un altro dato interessante è la dinamica della frammentazione, che varia a seconda della quota:

... [le] dimensioni massime e minime delle particelle generate dalla frammentazione delle solette e delle pareti del core ... diminuiscono entrambe rapidamente man mano che il fronte di disgregamento si propaga verso il basso, e lo stesso avviene per l'intervallo di dimensioni.

In altre parole, i frammenti di cemento più grandi provengono solitamente dai piani più alti. Più scende il fronte di crollo, più i frammenti diventano uniformemente piccoli. I calcoli forniscono anche un altro chiarimento:

Circa il 60% della massa di tutte le solette e delle pareti del core viene polverizzata finemente durante il crush-down e questo spiega la proiezione in fuori delle nubi di polvere.

Bazant determina anche che l'energia gravitazionale delle Torri Gemelle era ampiamente sufficiente a generare la frammentazione fine osservata: ne bastava poco più di un decimo (le evidenziazioni sono mie).

L'equazione (28) indica la dissipazione di circa 1300 J per kg di cemento polverizzato. L'energia potenziale gravitazionale totale Πg rilasciata da una torre... è circa Πg 8,95 x 1011J. L'equazione (28) rappresenta soltanto circa il 10.58% di 2Πg (entrambe le torri). Pertanto l'energia d'impatto presente è di gran lunga superiore a quella necessaria. Dunque l'energia cinetica del crollo indotto dalla forza di gravità è perfettamente in grado di spiegare la polverizzazione osservata al suolo. L'energia restante viene dissipata dalle deformazioni plastiche e per attrito e dall'espulsione dell'aria.

Bazant presenta poi un metodo alternativo di calcolo che porta comunque a un'energia disponibile ampiamente superiore a quella necessaria per tutta la polverizzazione. Poi affronta di petto la questione della polverizzazione tramite esplosivi (le evidenziazioni sono mie):

E' comunque interessante verificare la quantità di esplosivi che sarebbe necessaria per produrre tutta la polvere di cemento osservata al suolo. E' noto che gli esplosivi sono inefficienti come strumento di frammentazione. Non più del 10% della loro energia esplosiva viene convertita in energia di frammentazione, e questo avviene soltanto se le cariche esplosive vengono installate in piccoli fori praticati dentro il solido da frammentare. Considerato che 1 kg di TNT libera circa 4 MJ di energia chimica, la massa totale di TNT necessaria per polverizzare finemente 14,6 x 107 kg di cemento sarebbe pari a 474 tonnellate (quindi sarebbe stato necessario installare circa 2,04 tonnellate di TNT in piccoli fori praticati nella soletta di cemento di ciascun piano, da cablare in una sequenza temporale precisa per simulare la caduta libera).

Si dimostra dunque che è falsa l'asserzione che la polverizzazione osservata è spiegabile soltanto tramite esplosivi precedentemente collocati. Soltanto un crollo prodotto dalla forza di gravità poteva produrre la polvere di cemento trovata al suolo.

Il presunto crollo a velocità di caduta libera

Bazant affronta la teoria del crollo "troppo veloce" facendo subito notare un errore d'interpretazione molto comune dei filmati:


Alcuni critici ritengono che la base della nube di polvere che avanza, visibile nei filmati, rappresenti il fronte di disgregazione. Tuttavia questo non può essere esatto, perché l'aria compressa che fuoriesce dalla torre è libera di espandersi in tutte le direzioni, compresa la direzione verso il basso, per cui il fronte della polvere precede il fronte di disgregazione.

L'analisi dettagliata dei video dei crolli permette di tracciare una curva della caduta nei primi secondi (fino a quando rimane visibile la parte superiore della torre che sta cadendo) e confrontarla con la curva di caduta libera (Figura 6 del documento):

... la curva identificata a partire dalle registrazioni video è fortemente incompatibile con la curva di caduta libera per ciascuna torre. L'opinione che le torri siano crollate a velocità di caduta libera è stata l'argomentazione principale dei critici che asseriscono la demolizione controllata tramite esplosivi preposizionati. Le registrazioni, da sole, sono sufficienti a dimostrare che quest'argomentazione è falsa.

Per la Torre Sud, la differenza fra la curva di caduta libera e la curva calcolata dall'Equazione (2) è meno spiccata che per la Torre Nord. La ragione è che la massa iniziale in caduta della Torre Sud è quasi il doppio di quella della Torre Nord, per cui la forza resistente è inizialmente una frazione molto più piccola del peso in caduta.

Il documento confronta poi i tempi di crollo con quelli di caduta libera facendo riferimento ai tracciati sismografici.

... i calcoli dimostrano che la durata dell'intera fase di crush-down supera la durata della caduta libera del 58,7% per la Torre Nord e del 42,7% per la Torre Sud (Fig. 6b). Questa è una differenza significativa, che può essere confrontata con i dati sismografici registrati presso il Lamont-Doherty Earth Observatory della Columbia University [23], mostrati in Fig. 6b. Si parte con l'assunto che la prima scossa, che è debole (ed è contrassegnata dalla lettera a), rappresenti t = 0, ossia il momento dell'impatto della parte superiore della torre contro la parte inferiore (viene effettuata una correzione di 0,07 secondi per il ritardo dovuto al tempo di propagazione dell'onda sonora lungo le colonne d'acciaio fino al suolo).

L'improvviso aumento dello scostamento all'istante b) (Fig. 6b) è attribuito a segmenti strutturali di grandi dimensioni, proiettati in fuori, che hanno colpito il terreno al di fuori del perimetro della torre. Le durate delle loro traiettorie, 8,61 secondi per la Torre Nord e 7,91 secondi per la Torre Sud, sono molto più brevi del crush-down perché non c'è accrezione di massa, ma sono più lunghe di una caduta libera a causa della resistenza dell'aria.

Si presume che la comparsa della scossa più forte, indicata in figura come istante c), corrisponda al momento in cui il fronte del crush-down (la base dello strato compattato di macerie) ha colpito la soletta delle fondazioni nel "vascone" [la grande vasca in cemento armato che teneva fuori l'acqua del fiume da tutti i piani interrati del complesso]. Risulta pertanto che i tracciati sismici indicano che la fase di crush-down è durata 12,59±0,5 secondi per la Torre Nord e 10,09±0,5 secondi per la Torre Sud.

... La caduta libera, fino al momento in cui lo strato compattato di macerie colpisce la soletta delle fondazioni in fondo al "vascone", richiede 8,08 secondi per la Torre Nord e 7,42 secondi per la Torre Sud. Pertanto anche i tracciati sismici sembrano contraddire l'ipotesi di una demolizione progressiva tramite esplosivi temporizzati, anche se meno chiaramente di quanto facciano le registrazioni video.

Qui e nelle pagine successive di Bazant emerge un altro errore fondamentale fatto dai complottisti nel mostrare la caduta libera: collocano invariabilmente il punto di partenza della caduta alla sommità della torre, allungando così notevolmente la durata della caduta libera usata come paragone nelle loro animazioni.

Il modo corretto di mostrare e cronometrare la caduta libera della porzione superiore della torre non è tracciarne la sommità, ma il baricentro, che si trova grosso modo a metà dell'altezza della porzione considerata e quindi cade da un'altezza minore che richiede un tempo minore.

Inoltre la caduta, se misurata correttamente, termina quando arriva al suolo il fronte di crollo, che (come ha chiarito precedentemente Bazant) è dentro la nube di polvere ma non alla sua base.

Va chiarito che tutte queste considerazioni si riferiscono all'assieme dei solai (con relativo carico di arredi, macchinari e vittime) e delle facciate, ma non al core, che segue un'evoluzione completamente differente, restando parzialmente in piedi per vari secondi prima di crollare anch'esso.

La terza e ultima parte di quest'articolo completa la trattazione del documento del professor Bazant e colleghi.

Christopher Bollyn arrestato e condannato per aggressione

di Paolo Attivissimo

Christopher Bollyn (50 anni, nella foto) è noto per essere l'originatore di molte teorie cospirazioniste: per esempio, l'errata interpretazione dei rapporti sismici del WTC, la presunta parentela fra il capo della sicurezza nazionale USA e uno dei redattori dell'articolo dal quale deriva il libro Debunking 9/11 Myths di Popular Mechanics e l'asserita assenza di rottami del Volo 93. Una giuria popolare di Cook County lo ha ora riconosciuto colpevole di aggressione aggravata, resistenza all'arresto e minacce nei confronti della polizia locale in un episodio che non mancherà di suscitare polemiche fra chi segue le ipotesi di complotto.

La giuria ha ritenuto lacunosa la versione dei fatti presentata da Bollyn, che ha accusato la polizia di brutalità e sostiene da tempo di essere preso di mira per le proprie idee cospirazioniste. Bollyn rischia ora fino a un anno di carcere.

E' interessante conoscere la dinamica dei fatti per cui è stato condannato. Secondo il Chicago Tribune dell'1/6/2007 e il Daily Herald del 6/6/2007, tutto iniziò il 15 agosto 2006, quando Bollyn chiamò il 911 (equivalente al 113 italiano) per segnalare che un'auto civetta della polizia che gli sembrava sospetta era passata davanti alla sua abitazione a Hoffman Estates, un villaggio vicino a Chicago, in Illinois. Fin qui accusa e difesa concordano.

Ma a questo punto, secondo l'accusa, quando i poliziotti a bordo dell'auto tornarono da Bollyn per presentarsi e spiegare il motivo del loro passaggio di pattugliamento, Bollyn era ubriaco o alterato, e quando fece per rientrare in casa dicendo che andava a "procurarsi rinforzi" o "chiamare la milizia per abbatterli", i poliziotti lo immobilizzarono con un Taser e lo arrestarono, sostenendo che temevano che andasse a procurarsi un'arma e che non volevano che la situazione degenerasse.

Secondo la difesa di Bollyn, invece, i poliziotti non si identificarono e lui e la sua famiglia si sentirono minacciati dal loro avvicinarsi. L'assalto della polizia, sostiene, fu immotivato ed avvenne mentre si accingeva a rientrare in casa. Il suo avvocato asserisce che i poliziotti colsero l'occasione per sfogarsi un po'.

E' prevedibile che questa condanna venga presentata dai complottisti come un esempio di persecuzione di un ricercatore della verità sull'11/9, come hanno già dichiarato i suoi familiari dopo il processo, ma questo non spiegherebbe né i grossolani e conclamati errori d'indagine di Bollyn né tanto meno le sue due condanne precedenti per furto emerse durante il procedimento, come segnala l'Herald.

Sia ben chiaro: questo blog è da sempre orientato alle indagini sui fatti, non sulle singole persone o sulle ideologie. Il comportamento di Christopher Bollyn è cosa separata dalle sue teorie (che infatti sono state indagate separatamente, senza entrare nel merito della persona che le proponeva). Tuttavia ci sono casi come questo nei quali le persone e le loro ideologie diventano fatti essenziali nel capire la serietà ed obiettività delle affermazioni proposte e nello scoprire le radici forse inaspettate e poco rassicuranti di una parte del complottismo undicisettembrino.

Ci sono infatti persone, come per esempio Giulietto Chiesa, che hanno riposto fiducia nella serietà e competenza di Christopher Bollyn per lanciare accuse molto gravi. Queste persone probabilmente non saranno entusiaste di scoprire che le loro accuse si basano sulle dichiarazioni non verificate di un pasticcione pregiudicato. Ma c'è di peggio.

Se infatti andranno a scavare più a fondo, come ha fatto il sito 911 Review (sito complottista, si noti), scopriranno che non solo le teorie di Bollyn sono sbufalate dagli stessi complottisti come descritto qui, ma le sue affiliazioni ideologiche sono perlomeno imbarazzanti.

911 Review, infatti, afferma che il giornale per cui scrive Bollyn, l'American Free Press, "ha legami neonazisti" e che il giornale gemello The Barnes Review promuove apertamente le ideologie della supremazia della razza bianca, dell'antisemitismo e del razzismo (un esempio di titolo: "Adolf Hitler: un candidato dimenticato al Nobel [per la pace]"). Bollyn è stato ripetutamente ospite radiofonico di David Duke, ex leader del Ku Klux Klan. L'American Free Press e il Barnes Review sono stati fondati entrambi dall'ideologo dell'estrema destra americana Willis Carto, notoriamente e documentatamente negazionista dell'Olocausto.

Soprattutto per alcuni sostenitori delle ipotesi alternative che provengono da tutt'altre ideologie, Bollyn è quindi decisamente uno strano compagno di viaggio di cui probabilmente ignorano il controverso pedigree.

2007/06/04

WTC, superesperti demoliscono la demolizione controllata (prima parte)

di Paolo Attivissimo. L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

E' stato recentemente pubblicato un documento che affronta le ipotesi di complotto riguardanti il World Trade Center con un'autorevolezza scientifica straordinaria: si tratta di Collapse of World Trade Center Towers: What Did and Did Not Cause It? (Crollo e collasso delle torri del World Trade Center: cosa l'ha causato e cosa non lo ha causato), di Zdenek P. Bazant (nella foto) con Jia-Liang Le, Frank R. Greening e David B. Benson. L'articolo è stato inviato per la validazione al Journal of Engineering Mechanics dell'ASCE.

Si può parlare senza iperboli di autorevolezza straordinaria perché è uno dei pochi casi di esperti di settore che si sono cimentati direttamente nel debunking, ossia hanno affrontato esplicitamente le teorie complottiste. Zdenek Bazant è infatti professore di ingegneria civile e scienza dei materiali alla Northwestern University in Illinois e il suo articolo è pubblicato sotto l'egida del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale della medesima università. Vale la pena di esaminare il considerevole curriculum di Bazant.

E' una situazione ben diversa da quella di altri accademici, che hanno sposato teorie complottiste sulla base di argomentazioni fatte in campi nei quali non sono esperti. Per esempio, il professor James Fetzer è andato a parlare di demolizioni del WTC tramite raggi di energia, ma è un filosofo; Gordon Ross, che ha criticato altri lavori di Bazant, è un laureato in ingegneria meccanica e industriale; il professor Steven Jones ha teorizzato l'uso di termite o altre sostanze per distruggere il World Trade Center, ma è un professore di fisica delle particelle.

Zdenek Bazant, invece, è un professore d'ingegneria civile e scienza dei materiali che parla della propria materia. Il collasso e il crollo delle Torri Gemelle, infatti, rientrano proprio nel campo dell'ingegneria civile e della scienza dei materiali. Abbiamo quindi un esperto che scrive sugli argomenti in cui è esperto. Per controbattere, i complottisti dovrebbero trovare un esperto di settore altrettanto qualificato che difenda le loro teorie (almeno una di esse, vista la loro molteplicità), e la cosa non sembra facile.

Ma il complottismo in tutto questo ha un ruolo secondario. In effetti l'articolo di Bazant si rivela preziosissimo non soltanto dal punto di vista del debunking in senso stretto, ma anche in termini di conoscenza tecnica della dinamica di eventi rari e catastrofici come il crollo di un grattacielo. I suoi contenuti, quindi, sono estremamente interessanti a prescindere dallo sbufalamento devastante che ne scaturisce, ma questi sono in sintesi gli argomenti sottoposti a debunking:
  • la presunta "stranezza" del crollo delle Torri Gemelle;
  • la disgregazione della porzione superiore durante la caduta;
  • la proiezione di polvere a distanze ritenute anomale;
  • la polverizzazione del cemento;
  • il presunto crollo a velocità di caduta libera;
  • la caduta pressoché in pianta, ritenuta impossibile senza demolizione controllata;
  • la teoria del pancake proposta inizialmente;
  • il metallo fuso e le presunte tracce chimiche di termite.
Il testo di Bazant et al. è prevedibilmente assai tecnico, scritto principalmente per un pubblico di esperti di settore, e quindi può risultare ostico al lettore non avvezzo a districarsi fra formule e simboli. Pertanto ne propongo qui un riepilogo divulgativo suddiviso in più parti: chi vuole potrà cimentarsi con il testo originale.

Evento sorprendente

La prima considerazione interessante è l'ammissione di sorpresa per il crollo anche fra gli addetti ai lavori:

per gli ingegneri strutturisti fu la più grande sorpresa dai tempi del collasso del ponte di Tacoma Narrows nel 1940. Subito dopo l'impatto degli aerei, la struttura si comportò come ci si aspettava, ma non fu così dopo gli incendi.

Per chi non conoscesse l'evento di Tacoma Narrows, si tratta di uno dei cedimenti più spettacolari e controintuitivi della storia dell'ingegneria. Un ponte sospeso con una campata principale di 850 metri, la terza più grande al mondo quando fu realizzata, si mise a ondeggiare e vibrare come se fosse fatto di gomma. La causa fu il vento, che soffiava a soli 67 km/h ma produsse un fenomeno di risonanza di entità totalmente inattesa che portò alla completa distruzione della campata. Il filmato è assolutamente impressionante.

Il caso di Tacoma Narrows è un esempio straordinario di come le grandi strutture si comportino spesso in modi che sembrano "impossibili" o "sbagliati" a un osservatore non esperto. Il parallelo con il crollo delle Torri Gemelle è chiaro. Bazant sintetizza così la dinamica d'innesco del crollo del WTC 1 e 2:
...la deformazione viscoplastica delle colonne riscaldate causò la caduta della parte sommitale della torre per un tratto pari ad almeno un piano, che impattò contro la parte inferiore con un'energia cinetica che superò di un ordine di grandezza la capacità di assorbimento d'energia della parte inferiore stessa.
In altre parole, la parte inferiore delle torri non poteva in alcun modo arrestare o contenere la forza esercitata dalla porzione superiore. Le cifre in gioco verranno presentate in seguito. C'è poi una sequenza di effetti ben precisa che risulta decisiva nella dinamica dell'evento:
(1) l'abrasione di gran parte dell'isolamento dell'acciaio da parte di oggetti scagliati durante l'impatto degli aerei (2) il tranciamento o la deflessione di numerose colonne (3) la redistribuzione dei carichi fra le colonne (4) la dilatazione termica differenziale delle colonne e delle travature orizzontali in acciaio (5) la flessione su più piani delle colonne perimetrali derivante dall'azione catenaria delle travature dei solai imbarcati [come documentato fotograficamente in un recente articolo, N.d.A.] e (6) la deformazione viscoplastica delle colonne riscaldate o danneggiate. Il NIST ha dimostrato che l'asportazione dell'isolamento, imprevista all'epoca del progetto, fu il fattore decisivo, senza il quale la deformazione delle colonne e il successivo collasso probabilmente non si sarebbero verificati.

Crollo inevitabile

Bazant poi chiarisce una volta per tutte, con dovizia di calcoli che non ricopio qui, che per gli esperti di settore non c'è alcun mistero: dopo il cedimento che causa la caduta iniziale della parte superiore della torre per un'altezza di almeno un piano,
Quando vengono stritolati i piani successivi, la perdita mgh di energia gravitazionale dovuta a un avanzamento pari a un piano supera di nuovo l'energia Wc dissipata dallo stritolamento del piano stesso, e lo fa con un margine crescente. L'energia in eccedenza deve convertirsi in energia cinetica della parte in movimento della massa m [della parte superiore della torre], e pertanto la sua velocità v aumenterà a ogni piano. Questa è la caratteristica di base del collasso progressivo, ben nota da molti disastri precedenti non causati da incendi (esplosioni interne o esterne, terremoto, controllo qualità inadeguato [...]). Per un ingegnere strutturista, un'analisi ulteriore è superflua per convincersi dell'inevitabilità del collasso.
L'evidenziazione dell'ultima frase è mia.

Disgregazione della porzione in caduta

Bazant descrive poi un altro concetto interessante della dinamica del crollo che spiega un fenomeno che ha lasciato perplessi molti osservatori: l'apparente disintegrazione della porzione superiore della torre ad un certo punto della sua caduta.
Il collasso progressivo di una torre prodotto dalla gravità deve essere costituito da due fasi: quella di crush-down, seguito da quella di crush-up, ciascuna governata da una diversa equazione differenziale. Durante la fase di crush-down [stritolamento verso il basso], la parte superiore della torre, che si sta muovendo (C nella Figura 1 in basso) ed ha alla base uno strato compattato di macerie (zona B), frantuma la parte inferiore (zona A) subendo pochi danni salvo nel periodo prima che si formi uno strato B di macerie sufficientemente spesso.
Durante la fase di crush-up [stritolamento verso l'alto] la parte A in movimento della torre viene frantumata dalle macerie compattate B che si trovano al suolo.
Nei primi istanti del crollo, insomma, prima che si formi fra le due parti della struttura uno strato compatto di macerie, la parte superiore della torre cade senza distruggersi: ma appena si forma questo strato di macerie, la parte superiore vi spinge contro e si frantuma, come mostrato da questa sequenza di immagini (non presente nel documento di Bazant).
Secondo gli ingegneri strutturisti, insomma, non occorre affatto invocare l'uso di esplosivi o altri agenti distruttivi supplementari per spiegare la sostanziale disintegrazione della porzione in caduta.

Velocità dell'aria espulsa dalla torre

Bazant passa ad esaminare le forze in gioco nella proiezione di polvere di cemento a distanze che alcuni ritengono misteriosamente eccessive. Il calcolo del volume d'aria di ogni piano (circa 64 x 64 x 3,6 m, ossia 14.745 metri cubi) e dei tempi di schiacciamento del piano stesso (solo 7 centesimi di secondo verso la fine del crush-down nella Torre Nord) porta a stime di 750-1220 km/h. Valori impressionanti, letteralmente supersonici per la stima superiore, che producono una conseguenza probabilmente inattesa per molti:
Chiaramente, le fluttuazioni della velocità dell'aria possono raggiungere la velocità del suono e quindi creare boati sonici facilmente confondibili con esplosioni. ...L'elevata velocità dell'espulsione dell'aria spiega anche perché una quantità significativa di cemento polverizzato e vetro frantumato fu espulsa a una distanza di diverse centinaia di metri dalla torre (Fig. 3b).
La violenza dell'espulsione dell'aria è confermata da testimoni, per esempio da Rick Bryan (nella foto qui a sinistra) nel documentario Inside the Twin Towers di Discovery Channel a 1:05:10 circa:
improvvisamente questa nube di fumo grigio scuro viene sparata verso l'alto lungo la tromba delle scale [dove si trova Bryan] e copre tutto e tutti. Ed era calda, molto calda.
Dopo aver calcolato la resistenza prodotta dall'espulsione dell'aria dalla torre, Bazant passa a esaminare un altro aspetto: l'energia disponibile per la frammentazione fine (comminution, quella che alcuni complottisti chiamano "totale polverizzazione") del cemento. Questo argomento viene presentato nella seconda parte di quest'articolo.

Aggiornamento

Bazant ha pubblicato una nuova edizione del proprio articolo. Il link è stato aggiornato per tenerne conto. Ringrazio il lettore "Inverecondo" per la segnalazione. Un altro lavoro molto simile, intitolato "Mechanics of Progressive Collapse: Learning from World Trade Center and Building Demolitions", e comparso nel Journal of Engineering Mechanics dell'ASCE di marzo 2007 ed è disponibile qui.